Cotignola, Teatro Binario

Cotignola, Teatro Binario

Viale Vassura 18a - Realizzato all’interno dell’ex magazzino merci della stazione di Cotignola.

 

Inaugurato nel 2006, il teatro conta circa 90 posti a sedere ed è stato realizzato all’interno dell’ex magazzino merci della stazione di Cotignola, concesso in comodato d’uso gratuito da Rfi al Comune. I vagoni sui binari ospitano la caffetteria e uno spazio incontri oltre a vani per la compagnia teatrale, come depositi e camerini. Questi ultimi sono collegati al deposito-teatro da una porta.

Il riutilizzo dell’ex deposito ferroviario di Cotignola fa parte di un progetto pubblico sostenuto dal Comune di Cotignola relativo la riqualificazione dell’intera area del magazzino merci e della sua trasformazione in attività teatrale. Il progetto di recupero individua nella morfologia stessa dell’area ferroviaria uno dei temi di intervento. Creare un luogo teatrale significa progettare uno spazio per la città, ovvero un luogo pubblico di carattere culturale: nel caso della trasformazione urbana di un ex deposito ferroviario e parte della ferrovia, si tratta di individuare quegli elementi che ne permettono una nuova identità.

Nel caso del progetto del teatro binario, gli elementi urbani esistenti della ferrovia quali carri, vagoni, binari, deposito e piazzale vengono presi a prestito e utilizzati come partitura spaziale per la nuova composizione drammaturgica che si manifesta con le programmazioni teatrali che di volta in volta verificano possibilità differenti dell’uso dello spazio riutilizzato. La presenza della ferrovia è infatti uno degli elementi assunto come “memoria attiva” del progetto attraverso l’utilizzo dei vagoni, “attori” principali dei luoghi destinati alle attività pubbliche, quali la caffetteria, spazio incontro e punto informativo, e ai servizi di supporto al teatro, come i depositi e i camerini.

Un altro elemento che il progetto ha individuato è la progettazione degli “spazi verdi”, ovvero dei luoghi della sosta e dello svago creati attraverso la proposta dell’utilizzo di materiali verdi come la sequenza di alberature e siepi, o la scelta di differenti tipi di materiali di calpestio, come la terra battuta, il prato, i sentieri in pavé. Il deposito ferroviario e il suo spazio antistante stimolano una riflessione riguardo l’uso della scena teatrale, e così, nell’immaginario del progetto il luogo dell’azione scenica viene proiettato all’esterno del deposito e raddoppiato e triplicato con nuove strutture leggere e sequenza di spazi scenici all’aperto, al coperto e al chiuso, tra loro connessi e comunicanti. La successione dei volumi e dei vuoti esistenti diventano i luoghi dove attori e pubblico, scena e edifici si confrontano e si confondono come luoghi della vita e della finzione.

Lo spazio scenico e lo spazio per il pubblico è flessibile, pertanto le sedute sono costituite dai praticabili mobili a tribuna, realizzati con struttura in ferro e piani orizzontali in legno, per un totale massimo di 90 posti a sedere. Le pareti interne della sala sono dotate di pannellature in griglia di ferro elettrosaldate e ancorate alle pareti stesse: hanno la funzione di superfici di ancoraggio per qualsiasi esigenza teatrale. La flessibilità della sala è garantita anche dalla riapertura di tutti i sei varchi di passaggio, alcuni dei quali erano chiusi: le due aperture sul lato ovest servono da collegamento con i vani tecnici e dei camerini, mentre le restanti aperture vengono utilizzate singolarmente o contemporaneamente come ingressi. Il vagone a ridosso dell’indoor stage è di supporto tecnico per lo svolgimento dell’attività teatrale e pertanto gli interni sono stati progettati e allestiti per accogliere i camerini, i servizi igienici.

Pao Atelier d’Arte e di Architettura

 (Fonte: Comune di Cotignola)

 

 

La gestione delle attività culturali della struttura è stata affidata tramite bando
all'associazione Cambio Binario (info@cambiobinario.it  -  www.cambiobinario.it)
Per informazioni: Ufficio Cultura 0545 908873  -  Associazione Culturale Cambio Binario 373 5324106