Lugo, Bar Sonia

Lugo, Bar Sonia

 (1922 – 2002 circa) - Incrocio fra Via Foro Boario, Via Mentana e Piazza Garibaldi

Nel 1922, il chiosco in legno (6,90m x 4,50m), in precedenza appoggiato alla Rocca Estense, venne spostato nell’area di proprietà del comune di Lugo a ridosso dell’incrocio fra via Foro Boario, via Mentana e piazza Garibaldi. Qui si serviva vino e «qualche buona minestra su richiesta, molto frequentato […] da clienti buongustai, specialmente in giorno di mercato, con apertura alle prime luci della mattina». Negli anni ’30 del ’900, la costruzione era di proprietà della famiglia Baldrati. Nel 1944, a seguito degli eventi bellici fu chiuso e purtroppo «centrato in pieno da un colpo vagante, prima dell’entrata a Lugo del 1st Jaipur Infantry della 8th Indian Division, il giorno della liberazione del 10 aprile 1945».

La famiglia Baldrati fece svariate richieste per potere riaprire l’attività, ma dovette attendere fino al 1950 prima di essere accontentata. «Così con la stessa gestione venne avviato il vecchio chiosco a bar-gelateria, ricominciando ad essere luogo di frequentazione di ex clienti, ma anche di nuovi, al mattino fino a tarda sera. Si alternavano nella sua conduzione le sorelle Baldrati, bariste, riscuotendo simpatia ed affezione dai clienti che volentieri vi sostavano durante tutta la giornata».

Con ogni probabilità, una delle due sorelle si chiamava Lina e, con tale nome, il bar era conosciuto da alcuni avventori ai tempi de “La Riffa” (episodio del film “Boccaccio ’70” del 1961, con regia di Vittorio De Sica); tra l’altro, lo si vede bene in una delle scene iniziali quando i protagonisti lasciano il mercato del bestiame per spostarsi alla trattoria del Castello, nel lato est di Piazza Garibaldi, dove nel corso del film si attendeva con impazienza l’estrazione dei numeri del lotto.

L’ultimo nome assunto dal locale fu “Bar Sonia” e a gestire il periodo terminale fu la famiglia Quadrelli. Ai tempi della fiera (14-22 settembre 2002), come dimostrano alcune foto, il bar risulta già abbattuto.

Oggi, in quell’area sorge la Meridiana dei Popoli, opera dell’artista e light designer Mario Nanni (Bizzuno, 1955). Il monumento, alto 21 metri e pronto nel 2013, venne inaugurato nel 2014.

Giovanni Baldini

 

Fonti
Walter Berti, Tempo di fiera, Numero unico stampato in occasione della fiera biennale, Lugo, Walberti, settembre 2002, pag. 17.